Il batterista in studio

stage per la formazione del turnista
252f8d79-005f-46e7-a8be-c31789155209

01

Tecniche di registrazione

Lo studente avrà l’opportunità di comparare le diverse tecniche di registrazione strettamente legate a stile del brano, batteria utilizzata, tocco del batterista, etc

02

Monitoraggio

personal mixer e cuffie

Impareremo a gestire i livelli in cuffia, a capire qual’è il giusto rapporto d’ascolto tra la propria batteria e il resto degli strumenti

9951414f-5466-460e-8cbb-4eae3ab19b62
studio regia 1

03

Creazione progetto sulla DAW

La base sulla quale registrerà l’allievo verrà caricata sulla digital audio workstation (pro tools o cubase), e verrà programmato il click secondo le esigenze del batterista.

04

Let’s record your Track

Siamo pronti per registrare, lo studente porterà un brano (drumless) apriremo il suo progetto,  imposteremo le macchine, soundcheck, e via.

La performance verrà registrata sia a livello audio che video attraverso l’ausilio di 3 camere (una in alto, una di fronte e una sui pedali)

56d3d8dc-bd4f-4d83-a0ad-bf818cb2c079
  • DSC_0225
  • DSC_0279
  • DSC_0291
  • DSC_0292
  • DSC_0309
  • DSC_0323
  • DSC_0331
  • DSC_0344
  • DSC_0408

Culmine effettivo di una creatività fuori dal comune, Manzamà si avvale dell’apporto di altri artisti e compositori, tra i quali Aldo Giordano, Marco Betta, German Diaz, Ferruccio Spinetti, Arnaldo Vacca, Mario Arcari e Giovanni Sollima e, nel ricco libretto, dei dipinti di Beppe Stasi a corredo di canti che trasudano di esperienze vissute in prima persona, nel corso di una carriera decisamente fuori dal comune.

Cronaca oggi

Un viaggio senza meta nel fertile bacino del Mediterraneo, tra ritmiche soffici e sospese, melodie dai richiami arabi, dolci nenie e loop ammalianti, a raccontare soprattutto le inquietudini dell’esistenza, il malessere per un vivere spostato, la magia dei sogni perduti e recuperati

Alberto Marchetti, Vinile

I fratelli Mancuso rappresentano oggi quell’indispensabile memoria sonora che ci è utile per non dimenticare. Nella loro ricerca attentissima alle radici, hanno fatto della musica popolare siciliana la loro musica, la loro espressione. In anni di studio e di lavoro sulle fasce mediterranee e non solo hanno costruito un’idea di suono rara e invidiabile

Marco Ranaldi, Left